Torino città del cinema
info txt max
ENCICLOPEDIA DEL CINEMA IN PIEMONTE

Lungometraggi



I misteri della giungla nera
Italia, 1954, 35mm, 90', Colore

Altri titoli: Black Devils of Kali, Killers of the East, Mystery of the Black Jungle, Mystery of the Jungle, Die Tempelw├╝rger von Bangkok, Le Tigre de Malaisie

Regia
Gian Paolo Callegari, Ralph Murphy

Soggetto
Dal romanzo omonimo di Emilio Salgari

Sceneggiatura
Gian Paolo Callegari, Piero De Bernardi

Fotografia
Massimo Dallamano, Alvaro Mancori

Operatore
Ugo Nudi

Musica originale
Giovanni Fusco, Georges Tzipine

Suono
Giovanni Canavero

Montaggio
Loris Bellero

Scenografia
Alemanno Lowley

Costumi
Maud Strudthoff

Aiuto regia
John Pasetti

Interpreti
Lex Barker (Tremal Naik), Fiorella Mari (Ada Mac Pherson), Paul Muller (Soyadanah, capo dei Tughs), Enzo Fiermonte (Claridge), Franco Balducci (Kammamuri), Luigi Tosi (capitano Mac Pherson), Raf Pindi (Kennedy), Carla Cal├▓ (Sulima), Jack Rex (Aghur), Pamela Palma (Ada), Alberto Archetti, Pino Serpe, il ghepardo Lug e la tigre Sacha

Direttore di produzione
stripslashes(Vieri Bigazzi)

Produzione
Giorgio Venturini per Venturini Film

Distribuzione
Venturini

Note
Visto censura 15702 del 5.1.1954; 2192 metri. Prima proiezione in Italia: 6 gennaio 1954.  Incasso: 188.960.000 lire.
Assistente alla regia: John Pasetti; coreografia: Anna Gorilovich; organizzazione generale: Giampaolo Bigazzi.
Gli interni sono stati girati negli Studi della FERT.
Durante la lavorazione il protagonista Lex Barker viene raggiunto a Torino dalla fidanzata Lana Turner e la sposa in Municipio.




Sinossi
Il cacciatore di tigri Tremal Naik incontra nella giungla Ada, una ragazza bianca rapita ancor bambina dai sanguinari Tughs e diventata sacerdotessa della dea Kalì, e se ne innamora. Decide di strapparla ai Tughs, ma per farlo deve consegnare loro il capitano Mcpherson. Tremal Naik accetta lo scambio, ignorando che il militare è il padre di Ada. Scopertolo, non esita a mettere a repentaglio la sua vita per salvarlo dalla morte a cui i Tughs lo hanno condannato.





I misteri della giungla nera forma, con La vendetta dei Thugs, dello stesso anno, e Il tesoro del Bengala, dell’anno precedente, una trilogia salgariana. Con film “di genere” come questi Giorgio Venturini confeziona prodotti che attingono al patrimonio culturale dello spettatore italiano, utilizzando alcune star del cinema americano in grado di garantirne l’esportabilità all’estero.
 
«Il sistema produttivo risulta un mix di tradizione artigianale italiana, arte di arrangiarsi (le giungle sono le foreste di San Rossore, vicino a Pisa) e una certa serialità, che è certo un esempio eclatante di industrializzazione del cinema italiano» (L. De Giusti, Storia del cinema italiano 1949/1953, Marsilio, Padova, 2003).
 
Per interpretare Tremal Naik, eroe sia de I misteri della giungla nera sia de La vendetta dei Thugs viene chiamato Lex Barker, attore americano che gode di una certa notorietà. «Barker accetta di venire in Italia per un compenso di 60.000 dollari per entrambi i film, si piazza in una villa sopra Moncalieri (la Villa del Sole) e inizia le riprese dopo essersi sincerato che dietro la macchina da presa ci sia un mestierante di fiducia come l’americano Ralph Murphy» (S. Della Casa, Miracolo a Torino, Editrice La Stampa, Torino, 2003).
 
«La lavorazione di Misteri della Giungla Nera e Vendetta dei Tughs procede contemporaneamente, con grandi problemi organizzativi e tecnici,  «secondo i rari momenti di sobrietà di Ralph Murphy. [...] I misteri della Giungla Nera si rivela sul set e poi sullo schermo un film debolino e con 190 milioni di incasso si piazza tra i medi film di genere, quando il suo costo era di film di prima serie, certamente oltre i 100 milioni. [...] Fra gli arredi del film, una dea Kalì di cartapesta fu esposta per la prima visione torinese di Misteri della Giungla Nera al cinema Alpi. Se l’Odeon di Milano era il tempio del neorealismo, l’Alpi, con la sua duplice sala, fu per quindici anni il caldo rifugio del film di genere. Nel settecentesco palazzo di via della Consolata e Via Garibaldi, al centro del vecchio borgo sede della prima massiccia immigrazione meridionale del dopoguerra, l’Alpi teneva da sempre in funzione l’ingegnoso sistema che, attraverso un minuscolo prisma cristallino inserito nel fascio di luce, rifletteva su uno specchio le immagini e le rinviava su un secondo schermo che le ospitava un po’ sbiadite e tenui. La Dea Kalì fu dunque esposta in un portale dell’ingresso, riquadrata da un tempio indiano dipinto da Mario Roccia» (L. Ventavoli, Pochi, maledetti e subito, Museo Nazionale del Cinema, Torino, 1992).
 
«Uno dei più azzeccati romanzi di Emilio Salgari ha ispirato questo film, in gran parte girato nei dintorni di Torino: il che torna benissimo a qualunque regista che voglia fedelmente riprodurre il clima salgariano. [...] Tutto è onestamente dimesso e casalingo, comprese le danze; ma tutto è anche in tono, meglio che in altre, più vistose, riduzioni salgariane» (L. Pestelli, “La Stampa”, 12.3.1954).


Scheda a cura di
Davide Larocca

Persone / Istituzioni
Gian Paolo Callegari
Ralph Murphy
Piero De Bernardi
Massimo Dallamano
Giovanni Fusco
Giovanni Canavero
Lex Barker
Enzo Fiermonte
Luigi Tosi
Vieri Bigazzi


segnalibro
 = aggiungi
 = elimina
All'interno di ogni scheda troverete queste icone che vi permetteranno di memorizzare i documenti che più vi interessano o di eliminare quelli già memorizzati.
Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema | Contattaci
Piemonte Movie