Torino città del cinema
info txt max
ENCICLOPEDIA DEL CINEMA IN PIEMONTE

Produzioni Tv



Le Alpi – L’arco occidentale. Piemonte vette e valli
Italia, 2004, 30', Colore


Regia
Folco Quilici



Produzione
Club Alpino Italiano, Rai Tre

Note
Le Alpi è una serie di otto film di 30 minuti ognuno: la prima serie di film che illustra tutto l’arco alpino.




Sinossi
Un'aquila volteggia sugli arrampicatori giunti in vetta ad un torrione delle Rocce del Nivolè, nel Gran Paradiso: immagine simbolo di un film dedicato al rapporto uomo-montagna. In un susseguirsi di sequenze che raccontano sia imprese sportive (la scalata del "Becco meridionale della Tribolazione"), sia incontri con comunità che hanno creato centri di autonomia culturale (i walser, gli occitani-provenzali, i valdesi). Infine, sullo sfondo delle valli che gli fanno corona, il maestoso gigante alpino, il Monte Rosa descritto nella segreta bellezza dei suoi ghiacciai, rifugi e colori.





«Dopo un lungo tempo per la preparazione, le riprese e il montaggio, si è conclusa la prima Serie di film mai sino ad oggi realizzata per illustrare nella sua "unità nella diversità" il mondo delle Alpi italiane. Il lato sud di un arco montano di duemila chilometri visto nella sua straordinaria grandezza e nella sua unicità. La natura sempre diversa delle sue montagne e delle sue vallate, ma anche l'eccezionale ruolo di questo ambiente nella storia antica e moderna dell'Europa costituisce il valore spettacolare dell'Opera. Complesso mosaico di paesaggi diversi, nei quali si innesta un altrettanto complesso mosaico etnico. Gli archivi cinematografici sono ricchi di film a soggetto alpino. Da quando esiste questo mezzo di documentazione e di divulgazione, e dalla nascita della televisione in poi, sono migliaia e migliaia i titoli sulle Alpi. A differenza di quanto accade sul piano letterario, oggi, manca però - e sembra incredibile - un'opera globale, che "racconti" la lunga vicenda di questa maestosa corona montana, nella sua prospettiva naturale, storica e antropologica. Per il film sono utilizzate le tecniche adatte a dar veste altamente spettacolare ai contenuti che le sequenze presenteranno. Riprese aeree d'alta quota con elicottero munito di Helivision; impiego d'attrezzature specialistiche per riprese d'alta quota, anche in condizioni ambientali estreme; apparecchiature automatiche elettroniche per cogliere immagini del mondo animale; speciali equipaggiamenti per sequenze che seguiranno ascensioni di particolare difficoltà, avventurose discese in cavità ipogee. Inoltre saranno impiegate cineprese a passo singolo nell'intento di cogliere magiche mutazioni della flora alpina e dei colori delle rocce dolomitiche. In tutti i suoi film, e così sarà anche per la Serie dedicata alle Alpi, Folco Quilici sarà fedele a una sua precisa tematica per valorizzare, di sequenza in sequenza, spunti geografici, storici, etnici, che mettano in risalto il valore della montagna come ambiente naturale e umano. Luoghi ove "conservazione" e "innovazione" - o meglio il mutare e il progredire senza perdere il contatto con le proprie radici tradizionali e culturali - convivono e si completano» (www.folcoquilici.com).




Persone / Istituzioni
Folco Quilici


segnalibro
 = aggiungi
 = elimina
All'interno di ogni scheda troverete queste icone che vi permetteranno di memorizzare i documenti che più vi interessano o di eliminare quelli già memorizzati.
Copyright © 2005 - Associazione Museo Nazionale del Cinema | Contattaci
Piemonte Movie